Chef Showreel

Aperitivo con lo chef Federico Quaglia

Uno showreel con protagonista uno chef: Federico Quaglia ci prepara tre deliziosi aperitivi. Cogliamo il lato intimo e artistico di uno chef al lavoro.

Missione

Lo chef e food consultant Federico Quaglia ha voluto produrre uno showreel di alcuni aperitivi. Tre ricette con tempi e modalità di cottura differenti, in poco tempo. colori vivaci, ritmo sostenuto, ma morbido e focus sui momenti salienti. La fotografia si sposa con le ricette, e si può solo sognare il gusto di queste geniali intuizioni dello chef!

Lo showreel è tipico degli attori, un modo per mostrare(show) il nastro(reel). In forma allargata, lo showreel è un modo per l’artista di immortalare alcune sue peculiarità, alcuni processi e dettagli tipici del mestiere che fa, nel suo modo personale.

Uno showreel non dura più di 4/5 minuti, e tramite questi è necessario raccontare una parte, o l’intera esistenza artistica e/o tecnica di un protagonista.

Realizzazione

Federico Quaglia abita a Londra, e abbiamo avuto modo di incontrarci pochissimo. La pianificazione si è svolta a distanza, e il video andava girato tutto in una mattina, senza aver mai visto la location. A differenza del video del Koiné, qui il focus è lo chef, e abbiamo dovuto dimostrare versatilità e analisi della fotografia in brevissimo tempo.

Tra le nostre specialità ci sono la velocità di esecuzione e la preparazione all’imprevisto. Il problem solving è parte fondamentale del videomaking; per questo è così importante pianificare bene.

Riportiamo qui sotto le parole dello chef, in relazione al nostro operato sullo showreel:

Abbiamo collaborato per un progetto sviluppato a a 4 mani di cucina e marketing ad oltre mille km di distanza. Il risultato è stato ben oltre le aspettative ricevendo feedback molto positivi. Flessibilità, capacità di capire le necessità del progetto, le criticità e i punti di forza.

Federico Quaglia

Devi promuovere il tuo ristorante sui Social? Scrivici!

Inviaci email

Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo.